Stampa

Chirurgia oncologica

I tumori cutanei costituiscono le neoplasie più frequenti nella popolazione caucasica, rappresentando circa l'11% di tutti i tumori maligni.

Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un preoccupante aumento della loro insorgenza riguardante sopratutto il Melanoma, il Carcinoma Spinocellulare (SCC) ed il carcinoma Basocellulare (BCC).

Tra i fattori di rischio più importanti sono riconosciuti:

  1. fattori genetici: maggiore rischio in soggetti di carnagione chiara e con capelli biondi o rossi ed occhi chiari;
  2. esposizione solare: maggiore rischio nelle aree fotoesposte come viso ed arti superiori e specie in soggetti cronicamente fotoesposti per attivita' lavorative (agricoltori, pescatori.... e quindi elevata incidenza in Sicilia);
  3. immunosoppressione: maggiore incidenza in soggetti con malattie del sangue, cirrosi epatica e malattie autoimmunitarie (es. lupus cutaneo);
  4. durata della vita: maggiore incidenza nell'età avanzata.

La maggior parte dei tumori cutanei insorgono su lesioni preesistenti come le cheratosi attiniche (piccole escrescenze o "croste" verrucose localizzate in particolar modo al viso ed al cuoio capelluto) per i carcinomi basocellulari e spinocellulari, ed i nevi displastici per il melanoma.

E' inoltre possibile l'insorgenza di tumori maligni a livello delle mucose come cavo orale, lingua e genitali. Per lo più i fattori di rischio per questo tipo di neoplasie sono rappresentati da fumo di sigaretta, alcool e non corretta igiene personale. Spesso in tali sedi l'insorgenza di tali tumori è preceduta dalla presenza di lesioni precancerose come la leucoplachia (placca biancastra) o eritroplasia (placca rossastra).

Per tale motivo è necessario riconoscere in tempo, recandosi dal medico specialista, tutte le succitate lesioni precancerose al fine di prevenire l'insorgenza di una di tali neoplasie.